Cura delle gengive

Mito e realtà su gravidanza e Salute Orale

Nel corso della gestazione il corpo della donna subisce molti cambiamenti ormonali, avendo ripercussioni anche sulla salute del cavo orale. Questi cambiamenti ormonali possono determinare un incremento di alcune patologie come la gengivite, tumori della gengiva e aumento della carie. Per questo motivo è di fondamentale importanza sapere che, durante la gravidanza, è necessario avere delle corrette abitudini di igiene orale per evitare eventuali problemi. Di seguito ripassiamo qualche mito e realtà sulla salute del cavo orale durante la gravidanza.

 

Aumento della carie e della malattia parodontale che non è possibile curare.

Mito. È vero che durante la gravidanza esiste un aumento della predisposizione alla comparsa delle carie e all’aumento della malattia parodontale per diversi motivi: un’attenzione minore verso l’igiene orale e un accumulo maggiore di placca batterica, il cambiamento delle abitudini alimentari e degli orari dei pasti, l’aumento dell’acidità della saliva (ph<7 aggressivo per lo smalto) dovuto anche al cambiamento ormonale in atto durante la gravidanza e al vomito tipico durante la gestazione.

Tuttavia, se si mantiene una corretta igiene orale, è una situazione che è possibile evitare.  D’altro canto non esistono controindicazioni per poter effettuare un trattamento dentale durante la gravidanza né per l’uso dell’anestesia locale.

Le gengive sanguinano e si infiammano.

Realtà. Il cambiamento ormonale accentua la reazione infiammatoria già esistente aumentando l’arrossamento e il sanguinamento delle gengive.

Esiste una patologia abbastanza comune chiamata granuloma piogenico. Si tratta di un tessuto molle molto eritematoso che cresce normalmente nel primo trimestre della gravidanza a causa dell’aumento di estrogeno.

Devo informare immediatamente il mio professionista del cavo orale di fiducia che sono in stato di gravidanza.

Realtà. È necessario comunicarlo anche se si tratta soltanto di un’ipotesi. Si deve comunicare il mese di gravidanza, se si tratta di una gravidanza a rischio, se si prende qualche farmaco o se si soffre di una malattia.

Una donna in stato di gravidanza non può mettere l’apparecchio ortodontico.

Mito. Non esiste una controindicazione assoluta per iniziare un trattamento ortodontico durante la gravidanza. Tuttavia è importante tenere presente due cose: per effettuare lo studio che precede il trattamento ortodontico è necessario eseguire una ortopantomografia e una teleradiografia; l’apparecchio ortodontico, inoltre, aumenta l’accumulo di placca. Se a tutto ciò aggiungiamo l’infiammazione delle gengive tipica della gravidanza, la paziente in stato di gravidanza che decide di seguire un trattamento ortodontico deve essere consapevole dell’importanza dell’igiene orale per evitare qualsiasi problema causato dall’accumulo di biofilm orale.

Non si possono fare radiografie durante la gravidanza.

Mito. Nonostante si raccomandi di evitare la radiazione, è da tenere presente che le radiografie orali hanno una dose minima di radiazioni. Si faranno soltanto se strettamente necessario, evitando in questo modo quelle di controllo e verrà utilizzato un camice piombato per evitare possibili radiazioni.

Esistono trattamenti dentali che le donne in stato di gravidanza non possono eseguire.

Mito. Il trattamento dentale non è controindicato, ma è comunque raccomandabile effettuare qualsiasi trattamento nel secondo trimestre della gravidanza (i maggiori pericoli riguardano il primo trimestre, in concreto le prime otto settimane, per il rischio di malformazioni) e alla fine del terzo trimestre (parto prematuro). Se possibile, si raccomanda di posticipare dopo il parto i trattamenti particolari, come gli interventi chirurgici.

La salute orale della madre può influire sul feto.

Realtà. In effetti, esiste una relazione tra le nascite premature, i bambini sottopeso e la malattia parodontale severa.

 

Durante la gravidanza, quindi, è importante mantenere una buona igiene orale, effettuare visite periodiche dal professionista dei cavo orale e risolvere al momento qualsiasi problema del cavo orale.

Bibliografia

  • Fuentes Fernández, R., Oporto Venegas, G., Alarcón, A.M., Bustos Medina, L., Prieto Gómez, R., & Rico Williams, H.. (2009). Opiniones y creencias de embarazadas en control prenatal relacionadas con salud oral y embarazo. Avances en Odontoestomatología25(3), 147-154.
  • Díaz Romero, Rosa María; Martínez Sánchez, Carlos; Vertiz Ramírez, Jesús; Rodríguez Saldívar, María. Mitos, prejuicios y realidades del tratamiento odontológico durante el embarazo. Opinión médica. Ginecol. obstet. Méx;66(12):507-11, dic. 1998
  • Lacalzada-Pastor, M., Gil-Samaniego, J., Giménez-Juncosa, M., López-López, J., & Chimenos-Küstner, E.. (2011). Periodontal and mucosal status in a group of pregnant women: Clinical study. Avances en Periodoncia e Implantología Oral23(2), 123-128.
  • Alonso Rosado, A., Pérez Gómez, R.M., Criado Pérez, L., Duque Alonso, N., Hernández Marcos, C., Hernández Martín, M., Lorenzo Rodríguez, V., Martín Muñoz, F., & Otín Reixa, I.. (2010). Enfermedades periodontales durante el embarazo y su asociación con parto prematuro y bajo peso al nacimiento: Evidencias y controversias. Avances en Periodoncia e Implantología Oral22(2), 85-89.