Spazzolamento

Come spazzolare correttamente i denti

Una buona igiene orale prevede, innanzitutto, il corretto spazzolamento dei denti, che ha lo scopo di prevenire la formazione della placca batterica, la causa principale di problemi dentali o gengivali, e di rimuovere i residui di cibo e le macchie dei denti.

Tra le diverse tipologie di spazzolino esistono due grandi gruppi: gli spazzolini elettrici e gli spazzolini manuali. La scelta dipenderà dalla capacità, dalla tecnica di spazzolamento e dalle preferenze di ogni persona. In entrambi i casi, si raccomanda di cambiare lo spazzolino (nel caso degli spazzolini elettrici, cambiare la testina) ogni 3 mesi per assicurarne l’efficacia.

Gli spazzolini devono avere le seguenti caratteristiche:

    • Setole in Tynexdella durezza adeguata in base alle esigenze di ogni singola persona.
    • Testina della grandezza adeguata al cavo orale e alle esigenze concrete per assicurare un accesso comodo al cavo orale.
    • Testina a forma di diamanteper raggiungere le zone posteriori del cavo orale e della dimensione adeguata alla bocca del paziente.
    • Manico ergonomico flessibile e antiscivolo, per accedere comodamente a tutte le zone del cavo orale, appropriato all’età e alla manualità del soggetto.
    • Cappuccio protettivoper mantenere le setole pulite.

Techniche di spazzolamento

Una tecnica di spazzolamento inadeguata rende più difficile la rimozione completa della placca batterica. Le tecniche di spazzolamento più raccomandate sono le seguenti:

Tecnica di Bass modificata: è quella più adeguata per prevenire le malattie gengivali. Posizionare lo spazzolino ad un angolo di 45º rispetto al margine gengivale ed eseguire piccoli movimenti vibratori senza muovere lo spazzolino dal punto di appoggio. Successivamente il movimento diventa “a rullo” in direzione contraria rispetto alla gengiva.

Tecnica di Fones: è la tecnica più raccomandata per anziani e bambini. Vengono eseguiti movimenti circolari e ampi sui denti e sul margine gengivale. Deve essere effettuata mediante movimenti circolari su tutti i denti secondo un ordine determinato e con le arcate dentarie chiuse.

Tecnica di Stillman modificata: indicata per le persone con problemi gengivali. È simile alla tecnica di Brass, ma in questo caso lo spazzolino viene posizionato 2 mm sopra il margine della gengiva, con le setole orientate verso la radice del dente, quindi si effettua una leggera pressione. Successivamente vengono eseguiti movimenti vibratori prima di orientare lo spazzolino in direzione contraria alla gengiva

 Tecnica di Chartersposizionare lo spazzolino a 45º rispetto all’asse del dente e le setole sulla zona di masticazione del dente, effettuando una leggera pressione e cercando di spingere le punte delle setole nelle aree interprossimali. Successivamente eseguire un movimento di rotazione. Sui denti anteriori, collocare lo spazzolino in posizione verticale e spazzolare.