Perché è importante la salute orale durante la pandemia causata dal COVID-19?

24 settembre 2020

Il cavo orale rappresenta una via di ingresso di numerosi microorganismi tra i quali il coronavirus SARS-CoV-2, causa dell’epidemia attualmente in corso.

Studi scientifici hanno dimostrato che il virus si trasmette da persona a persona tramite le goccioline del respiro liberate nell’aria dalla bocca e dal naso con uno starnuto, un colpo di tosse o l’emissione della voce.

È stato descritto inoltre che il coronavirus infetta le cellule dell’ospite umano legandosi a dei recettori specifici, denominati ACE2. Penetrato in una cellula, è capace di obbligare questa a produrre copie di se stesso e, saturata la cellula, le copie vengono liberate e infettano altrettante cellule.

I recettori ACE2 si trovano in diverse parti del corpo umano quali polmoni, intestino, reni e cavo orale. All’interno del cavo orale i recettori si trovano in tessuti quali le ghiandole salivari e la mucosa orale e in alta densità nelle cellule epiteliali della lingua [1].

Alcuni studi hanno rivelato che durante la prima settimana il virus si moltiplica attivamente nelle vie aeree superiori (bocca, naso e gola) [2] oltre ad essere stato rilevato nella saliva dei pazienti affetti da COVID-19 [3].

Il cavo orale rappresenta, quindi, un mezzo di ingresso, di trasmissione e di proliferazione del virus. Si tratta di una zona ad alto rischio di infezione, per questo è fondamentale mantenere una buona salute orale attraverso una corretta igiene orale.

 

Quali sono le misure di prevenzione da adottare in materia di igiene orale durante l’epidemia da COVID-19?

Innanzitutto lo spazzolamento, che è alla base dell’igiene orale. Uno spazzolamento adeguato prevede una tecnica corretta, una durata e una frequenza idonee – 3 volte al giorno per almeno 2 minuti – e l’utilizzo di uno spazzolino di qualità con setole delicate sui tessuti orali ed efficaci nella rimozione della placca batterica o biofilm orale.

In questo periodo, è particolarmente importante la pulizia dello spazzolino e della testina, poiché le setole rappresentano un mezzo di proliferazione degli agenti patogeni sia del cavo orale che dell’ambiente.

Per mantenere una costante igiene dello spazzolino, seguire le seguenti indicazioni:

  • Risciacquare e scuotere lo spazzolino dopo l’uso per eliminare l’acqua in eccesso.
  • Utilizzare un cappuccio provvisto di fori di ventilazione, che protegge e mantiene le setole più asciutte.
  • Conservare lo spazzolino in posizione verticale ed evitare il contatto con altri spazzolini.
  • Cambiare lo spazzolino a seguito di un processo infettivo.

In secondo luogo, la pulizia interprossimale, da eseguire quotidianamente con lo spazzolino interprossimale, il filo interdentale o l’idropulsore per rimuovere la placca batterica che si accumula tra i denti e nella zona del margine tra la gengiva e il dente, responsabile della comparsa di numerose patologie orali.

Anche la pulizia della lingua è un gesto quotidiano molto importante. Sulla superficie dorsale, infatti, si accumula un elevato numero di microrganismi ed è il luogo dei recettori a cui si lega il virus SARS-CoV-2 prima di infettare le cellule umane. Si raccomanda quindi l’uso quotidiano di un nettalingua due volte al giorno, particolarmente efficace nella riduzione del rivestimento della lingua, delle cellule epiteliali e dei microrganismi [4].

In ultimo, l’uso di un dentifricio e collutorio specifico. Si tratta di prodotti che, in base alla loro formula, possono apportare diversi benefici, soprattutto quelli contenenti antisettici, indicati per aiutare a controllare e a ridurre i microrganismi del cavo orale.

Il CPC (Cloruro di Cetilpiridinio) è un antisettico sicuro ed efficace presente in alcuni dentifrici e collutori che, secondo alcuni studi svolti in laboratorio e su esseri umani, possiede un’azione virucida e preventiva su alcuni virus, come quello dell’influenza o altri ceppi di coronavirus [5],[6],[7].

Alcuni protocolli di prevenzione da COVID-19 nello studio dentistico (come quelli dell’Ordine Spagnolo dei Dentisti, del Ministero della Sanità spagnolo o italiano e numerosi organismi scientifici internazionali) raccomandano ai pazienti di effettuare sciacqui con CPC allo 0,05%-0,10% per ridurre la carica virale all’interno del cavo orale e il rischio di trasmissione da parte di un soggetto portatore del COVID-19. È necessario fare gargarismi con il collutorio in modo da raggiungere anche la faringe, dove è possibile diagnosticare la presenza del virus.

A queste misure di salute orale si deve aggiungere il resto delle misure predisposte per la prevenzione e il controllo del COVID-19, quali distanziamento sociale, uso della mascherina, lavaggio delle mani con il sapone, uso di gel disinfettante, ecc.

Ernesto de la Puente Ruiz
Medical Training Manager DENTAID

Bibliografia

[1] Xu H, Zhong L, Deng J, Peng J, Dan H, Zeng X, et al. High expression of ACE2 receptor of 2019-nCoV on the epithelial cells of oral mucosa. Int J Oral Sci. 2020 Feb 24;12(1):8

[2] Wölfel R. Corman VM, Guggemos W, Seilmaier M, Zange S, Müller MA, et al. Virological assessment of hospitalized patients with COVID-2019. Nature https://doi.org/10.1038/s41586-020-2196-x (2020).

[3] To KK, Tsang OT, Chik-Yan Yip C, Chan KH, Wu TC, Chan JMC et al. Consistent detection of 2019 novel coronavirus in saliva. Clin Infect Dis. 2020 Feb 12. pii: ciaa149. doi: 10.1093/cid/ciaa149.

[4] Quirynen M, Avontroodt P, Soers C, Zhao H, Pauwels M, van Steenberghe D. Impact of tongue cleansers on microbial load and taste. J Clin Periodontol 2004; 31: 506-510.

[5] Popkin DL, Zilka S, Dimaano M, Fujioka H, Rackley C, Salata R et al. Cetylpyridinium chloride (CPC) exhibits potent, rapid activity against influenza viruses in vitro and in vivo. Pathogens and Immunity. 2017;2(2):253-69

[6] Mukherjee PK, Esper F, Buchheit K, Arters K, Adkins I, Ghannoum MA et al. Randomized, double-blind, placebo-controlled clinical trial to assess the safety and effectiveness of a novel dual-action oral topical formulation against upper respiratory infections. BMC Infect Dis. 2017 Jan 14;17(1):74.

[7] Shen L, Niu J, Wang C, Huang B, Wang W, Zhu N, Deng Y, Wang H, Ye F, Cen S, Tan W4. 2019. High-Throughput Screening and Identification of Potent Broad-Spectrum Inhibitors of Coronaviruses. J Virol. 2019 May 29;93(12).